Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire

Pubblicato da: PROF.Luca Agliardi, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Dieta dimagrire alle ore 23:32 del 14 Marzo 2012.


La maggior parte delle persone in primavera si rende conto dei chili di troppo accumulati durante l'inverno.

Quindi cerca entro l'estate di dimagrire provando diete sbagliate e pericolose oppure facendo attività fisiche che, visto la loro forma, portano i loro battiti ben oltre la soglia aerobica, evitando al corpo di bruciare i grassi accumulati, senza avere grossi risultati.

La formula magica per togliere i chili di troppo e arrivare all'estate perfetti alla prova costume non esiste, si deve mettere solo un po' di ordine ai mille consigli che arrivano dai giornali e dalle proposte televisive.

Basta seguire i semplici consigli che ci porteranno a una condizione fisica migliore.

Solo combinando una dieta adeguata a una attività fisica costante e regolare si innesca un meccanismo ormonale positivo che permette al nostro corpo di togliersi dai punti principali di accumulo quella brutta parola che si chiama grasso.

Allora vediamoli uno per volta.


La dieta alimentare migliore è quella mediterranea che è equilibrata e permette al corpo di stare in salute, va però usata con alcuni accorgimenti.

Il filosofo Feuerbach diceva "tu sei quello che mangi".

La dieta mediterranea può essere raffigurata con una piramide a 4 livelli che ha alla base i cibi di tutti i giorni frutta, verdura, frutta secca, pane, cereali (riso, pasta, orzo), legumi, olio extra vergine di oliva.

Nella parte mediana ci sono i formaggi e latticini (meglio se magri) da mangiare a giorni alterni.

Al terzo gradino vi sono pesce, uova e pollame da mangiare un paio di volte la settimana.

Nella punta troviamo la carne rossa da mangiare solo 1 o 2 volte al mese.

Gli accorgimenti sono semplici: 3 pasti principali al giorno (colazione, pranzo e cena) più 3 spuntini (a 3 ore circa dai pasti) naturalmente controllando le calorie giornaliere, se ai pasti mangio pane non mangio cereali (pasta, riso,etc.) , mangiare un po' di tutto ma senza abbuffarsi ai pasti, mangiare a intervalli regolari, consumare cibi freschi senza conservanti, consumare cibi ricchi di acqua (verdure, frutta).

L'attività fisica è l'altro componente che ci permette consumare l'energia di troppo accumulata sottoforma di grassi.

La migliore soluzione per bruciare grassi è l'attività aerobica, che può essere eseguita con vari mezzi e metodi.

Possono essere eseguite camminate sostenute in saliscendi , gite in bicicletta o mountain bike, jogging nei parchi, macchine aerobiche e corsi di aerobica e step a basso impatto in palestra e nuoto (se si possiede una buona tecnica).

Tutte queste attività vanno eseguite regolarmente per 3 o 4 volte la settimana, meglio se alla stessa ora, per 1 ora circa, naturalmente in base al livello di partenza.

Le attività possono essere eseguite con l'uso di un cardiofrequenzimetro pre-impostato per essere sicuri di essere nel range aerobico che permette di bruciare grassi.

Comunque anche se non si possiedono mezzi sofisticati per il controllo dell'attività compiendola regolarmente si ottengono buoni risultati (all'incirca servono 3 settimane al nostro corpo per evidenziarli).

Insieme all'attività aerobica può essere eseguito anche un programma di potenziamento minimo per addominali, pettorali , arti superiori e arti inferiori per aumentare la tonificazione migliorando così la massa magra (muscolo).

Insomma per dimagrire e prepararsi alla prova costume servono solo forza di volontà e costanza.

Non è poco ma se una persona vuole migliorarsi veramente basta iniziare e crederci. Basta una tuta, un orologio, magari un compagno di viaggio e i risultati vengono da soli.

Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisicaAttività fisica e Diabete di tipo 2Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisicoBenefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea?Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2Osteoporosi, fratture ed attività fisicaAcqua ed attività sportivaAdattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisicaAnalisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzateAnziani ed attività fisica: screening cardiologicoApparato respiratorio e attività fisica negli anzianiAttività agonistica e prevenzione delle infezioniAttività agonistica, infezioni e vaccinazioniAttività fisica e colesteroloAttività fisica e collasso cardiacoAttività fisica e funzionalità cardiorespiratoriaAttività fisica e gravidanzaAttività fisica e lombalgiaAttività fisica e sport nell'età evolutivaAttività fisica e sport nella terza etàAttività fisica ed invecchiamentoAttività fisica in gravidanzaAttività fisica per bambiniAttività fisica, fitness e wellnessAttività sportiva ed obesitàAttività sportive e impegno cardiovascolareATTIVITA' FISICA E OBESITA'ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESSAttività fisica e IpertensioneAttività fisica ed IpertensioneBenefici e rischi dell'attività fisica nell'obesitàBenessere e attività fisicaCellulite, dieta e attività fisicaDIABETE: Attività fisica e diabete mellitoDieta ed esercizio fisicoGravidanza e attività fisicaIdratazione e attività fisicaIl soggetto obeso e l'attività fisicaIpertensione ed attività fisicaIpertensione ed attività fisica: controindicazioni?Obesità, ormoni ed esercizio fisicoPatologie cardiovascolari e attività sportivaPrevenzione, salute e attività fisicaQuanto mangiare prima dell’attività fisicaSedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisicaSforzo Cardiovascolare - Attività SportiveSistema immunitario ed esercizio fisicoSoffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisicaStress ed attività fisicaAttività fisica su Wikipedia italianoPhysical exercise su Wikipedia ingleseAlimentazione corretta su Wikipedia italianoHealthy diet su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015